Buone notizie dal MIUR, un decreto e un avviso pubblico per la co-progettazione con il Terzo Settore.

In questo modo le scuole potranno candidarsi per realizzare assieme agli ETS una serie di iniziative e progetti. Le proposte che verranno presentate dovranno vedere il coinvolgimento di almeno 10 scuole. Ultima scadenza il 31 agosto.

La novità assoluta è che per la prima volta il Ministero si rivolge direttamente al Terzo settore, un primo riconoscimento importantissimo. Questa chiamata viene fatta con un avviso da 5 milioni di euro per gli enti del Terzo Settore per attività di co – progettazione dedicati alle scuole secondo questi temi: 

  1. contrasto alle mafie e legalità;
  2. inclusione; 
  3. sostenibilità e transizione ecologica; 
  4. promozione dell’internazionalizzazione dei percorsi formativi;
  5. promozione del libro e della lettura

Nelle linee guida del provvedimento si legge che lo svolgimento delle attività deve prevedere almeno la presenza di 2 regioni ed il coinvolgimento di almeno 10 scuole.

“Nella nuova scuola che stiamo costruendo, il compito del sistema educativo sarà ancora più centrale, per formare cittadine e cittadini consapevoli – dichiara il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi -. Lavoriamo a una scuola aperta e inclusiva, in costante rapporto con il territorio. Per questo è importante avviare una nuova modalità nei rapporti con il Terzo Settore, che ha un ruolo fondamentale per assicurare il legame e la sintonia tra l’istruzione e il mondo esterno. Ringrazio tutti gli Enti che collaboreranno con il Ministero e con gli istituti per educare ragazze e ragazzi alla difesa dei diritti, alla sensibilità sociale, alla legalità, alla tutela dell’ambiente, alla costruzione di un futuro sostenibile”

Una volta scelti migliori progetti, il Ministero pubblicherà un Avviso rivolto alle scuole, che potranno candidarsi per partecipare alle iniziative finanziate.

Durante questa settimana, saranno pubblicati ulteriori Avvisi finalizzati al finanziamento di progettualità per l’ampliamento dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche (legge 440/1997). Lo stanziamento complessivo è di 10 milioni di euro, che saranno destinati direttamente alle scuole, che potranno finanziare, ad esempio, l’istituzione di sportelli per l’autismo, attività di potenziamento delle competenze logico-matematiche, di riduzione della dispersione scolastica, di contrasto al bullismo e al cyberbullismo, di miglioramento dell’orientamento.

L’obiettivo è supportare la realizzazione di progettualità e la sperimentazione di pratiche innovative che potranno essere messe a disposizione di tutto il sistema d’Istruzione, in una logica di condivisione delle esperienze e della conoscenza.

Per aiutare le istituzioni scolastiche il Ministero offrirà assistenza tramite  i consueti canali dell’Help Desk Amministrativo Contabile (per problematiche organizzative, amministrative e gestionali) e del Service Desk (per problematiche tecniche).

Vi alleghiamo anche i link per leggere nella loro interezza il decreto e l’avviso pubblico.

https://www.miur.gov.it/web/guest/-/decreto-dipartimentale-n-66-del-27-luglio-2021 

https://www.miur.gov.it/documents/20182/5385739/m_pi.AOODPPR.REGISTRO+DECRETI+DIPARTIMENTALI%28R%29.0000066.26-07-2021.pdf/ecdfe57f-3a33-e1f2-8b9d-47bc5d4763ff?version=1.0&t=1627305284114